LA BIBLIOGRAFIA ESISTENTE

 

 

La storia dei Forti genovesi è ormai confusa: sono stati scritti talmente tanti articoli, sono stati pubblicati molti saggi e libri monografici che un nuovo proselito avrebbe serie difficoltà nell'individuare le notizie reali da quelle fantastiche. Come si è giunti a questa confusione? Seguiamo il percorso bibliografico.

Il primo che cercò di fare un riassunto completo sulla storia delle nostre fortificazioni era un tenente di fanteria, il quale, nel 1875, riunì le sue ricerche in un manoscritto (realizzato, pare, in tre copie), non diretto al pubblico civile. Questo è servito da base per le successive pubblicazioni "ufficiali". La prima di queste è del 1939, in pieno regime: molte di quelle antiche fortezze erano ancora "zona militare" in quanto sede di contraerea, e forse il testo risentì della censura; l'autore, celebre studioso dell'antichità genovese, sulle fortificazioni confonde molte notizie storiche, decretando (oggi) la parziale inattendibilità del testo. Dovranno passare trent'anni prima che un noto giornalista decida di raccontare i Forti genovesi a modo suo, con uno stile vagamente poetico, a tratti retorico ma con notizie storiche abbastanza esatte.

Tre anni prima, un architetto della Soprintendenza aveva incominciato a raccogliere notizie approfondite sulle nostre fortezze, consultando antichi e polverosi documenti. Il risultato di quella colossale ricerca fu concretato, nel 1971, con la pubblicazione di un libro che, anche grazie alla sua elegante veste grafica, ebbe un successo incredibile tanto da essere ristampato per tre edizioni. Per la prima volta comparivano i disegni originari, le foto di quelle opere, notizie storiche documentate che si fermano con la loro realizzazione. L'autore si dedica, infatti, prevalentemente all'analisi critica delle strutture architettoniche. Seguono, nel 1976, tre volumetti della serie Guide di Genova, nei quali sono proposti altrettanti itinerari per le visite alle nostre fortezze, con sintesi storica.

Nel 1983 viene pubblicato un altro importante libro, in due volumi, che ha il pregio di far luce sulla preistoria degli odierni forti, ossia sulle trincee settecentesche, sconosciute al pubblico e che sono ivi descritte pienamente. La storia dei Forti viene seguita fino ai moti genovesi del 1849. Nel 1984 altro libro sulle opere fortificate, redatto da uno studioso appassionato, molto preparato nel periodo storico che va dal medioevo al '700. Il volume viene però pubblicato quasi a sua insaputa, seguendo appunti che dovevano essere in parte riveduti e corretti. Le due ultime pubblicazioni escono nel 1992, e sono, rispettivamente: una guida realizzata dal Comune di Genova, Assessorato Giardini e Foreste, sul Parco Urbano delle Mura (con sintesi storica delle fortificazioni di quella zona); un'analisi documentata sugli ingegneri militari che, in Liguria, fino al 1814, lavorarono intorno alle fortificazioni.

Con questa corposa bibliografia è normale che escano articoli giornalistici con le notizie più disparate, attingendo un pò da un libro un pò da un altro. Le principali pubblicazioni monografiche (1971, 1983, 1984) sono state concepite in un particolare periodo: molti documenti, infatti, non erano consultabili o erano conservati in archivi impensati. Dobbiamo ricordare che sulle fortificazioni esistono quantità enormi di documenti, spesso non specificati nei cataloghi archivistici, conservati in sei principali archivi distribuiti fra Genova, Torino e Roma. Per seguire l'evolversi storico delle fortificazioni ci vogliono anni di ricerche, (tenendo presente che queste sono frazionate nel tempo). Verosimilmente fino ad oggi, spesso, dove mancavano riscontri documentali, si cercò di sopperire con logiche supposizioni.

L'autore di questo sito, appassionato di Forti fin da bambino, incuriosito dalle discrepanze che emergono dai libri, nel 1985 ha cominciato ad interessarsi più concretamente alla sua passione, iniziando lentamente l'analisi delle fonti citate nei libri ed arrivando, dopo ricerche spesso infruttuose, alla scoperta di documenti inediti, i quali potrebbero far riscrivere, in parte, la storia dell'iter seguito nel compiere le nostre fortezze. Per questo motivo sta preparando un libro (che potrebbe anche non essere pubblicato: infatti, sono poche le case editrici che potrebbero interessarsi all'argomento, ma è da appurare anche se sono disposte a pubblicare le notizie di uno sconosciuto!) ricco di novità, notizie e disegni inediti, curiosità. Delle quali il presente sito è una forte sintesi.

 

 

 Torna al Sommario