FORTE MONTERATTI

 

 

Il monte Ratti ha due appendici laterali sulle quali, verso il 1819, furono principiate due Torri a pianta circolare, denominate di Serralunga e di Monte Longone; queste furono, in seguito al fallimento del progetto di cui facevano parte, lasciate incompiute.

La posizione del monte Ratti era considerata strategicamente importante per la difesa della città. Da qui il nemico poteva calare verso Sturla, Albaro e San Martino. Nel 1747 i franco-genovesi approntarono sulla vetta accampamenti e ridotte, subito espugnate dagli austriaci.

La cima della collina fu guarnita, a partire dal 1819, con l'erezione di una Torre, uguale a quella di Quezzi. Il Forte fu invece realizzato tra il 1831 ed il 1842, inglobando la Torre e addossando la caserma alla cima della collina. Vi si accede percorrendo parte dell'antica strada militare. L'ala di ponente del piano terra della caserma è interamente occupata dalle buie celle delle prigioni, inserite negli ultimi anni dell'ottocento e che "ospitarono", durante la prima guerra mondiale, i coatti austriaci. In alcune si scorgono ancora, a stento, le scritte dei prigionieri. All'interno della caserma si scorgono le tracce della cappella del Forte.

Nel 1849, durante i moti contro i piemontesi, il complesso era presidiato dalla Guardia Nazionale.

Tra il 1935 ed il 1938 fu iniziata la demolizione della Torre, la quale disturbava la visuale alle quattro postazioni contraeree che furono sistemate in quella zona del complesso. Terminato l'ultimo conflitto, l'opera fu definitivamente abbandonata. L'attenta visita dei locali interni (spesso in pessime condizioni statiche e che ispirano improbabili storie) può riservare ancora piccole - sorprese.

 

 

 Altre immagini:

 L'accesso alla caserma

 Situazioni di pericolo all'interno del Forte

 Ingresso di una cella delle prigioni

 Resti di una postazione contraerea, con targa in ceramica

 L'originario accesso al ponte levatoio della Torre

 Resti dell'antico acciottolato

 Forte Monteratti da una ripresa aerea (GeF)

 Strada militare dal Forte Quezzi al Forte Monteratti

 Ponte lungo l'antica strada militare

 Torna al Sommario